RICOGNIZIONE DEL PERSONALE IN ECCEDENZA: DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

VISTO il testo vigente dell’articolo 33 del D.Lgs. n, 165/2001 che prevede l’obbligo per tutte le amministrazioni pubbliche di provvedere annualmente alla rilevazione delle “situazioni di soprannumero” nonché “comunque delle eccedenze di personale, in relazione alle esigenze funzionali o alla situazione finanziaria”;

VISTO il testo vigente dell’articolo 6 del citato D.Lgs. n. 165/2001, per come modificato dal D.Lgs. n. 75/2017, per cui la dotazione organica viene modificata dalla programmazione del fabbisogno e, di conseguenza, per cui il divieto di assumere personale in sovrannumero è stato abolito;

ASSUNTO che il dettato legislativo impone ai dirigenti (ovvero negli enti che ne sono sprovvisti ai responsabili) di attivare queste procedure, prevedendo la maturazione di responsabilità disciplinare in caso di inadempienza di tale obbligo;

RICORDATO che la stessa disposizione irroga la sanzione del divieto di effettuare assunzioni di personale a qualunque titolo per gli enti inadempienti;

RICORDATO che la stessa disposizione stabilisce l’obbligo di informare il Dipartimento della Funzione Pubblica degli esiti di tale ricognizione nel caso in cui la stessa sia positiva;

DATO ATTO che in data ____/_____/__________il dirigente (ovvero il responsabile) preposto alla gestione delle risorse umane ha richiesto a tutti i dirigenti (ovvero a tutti i responsabili) di effettuare l’accertamento delle condizioni di eccedenza del personale;

CONSIDERATO che la verifica delle condizioni di eccedenza del personale per ragioni funzionali è stata compiuta dai singoli dirigenti (ovvero dai singoli responsabili), ognuno per la propria articolazione organizzativa, sulla base delle indicazioni suggerite dal dirigente (ovvero dal responsabile) preposto alla gestione delle risorse umane avendo come riferimento:

  1. la esternalizzazione della gestione dei seguenti servizi _________________________________________________, con il conseguente trasferimento alle dipendenze del nuovo soggetto di n. _________ dipendenti con il seguente profilo professionale ____________________________________________________ ed inquadrati nelle seguenti categorie _______________________________________;
  2. la realizzazione della gestione associata dei seguenti servizi (o delle seguenti funzioni) _______________________, attraverso la seguente forma gestionale __________________________________________, con il conseguente trasferimento alle dipendenze del nuovo soggetto chiamato a gestire in forma associata tali attività di n. ___________ dipendenti con il seguente profilo professionale ______________________________________________________ ed inquadrati nelle seguenti categorie _________________________________________________________;
  3. la rilevazione, per ogni singola articolazione organizzativa, delle tipologie dei procedimenti che sono attribuiti alla stessa; del loro numero e della loro complessità. Su questa base si è proceduto alla verifica del grado di utilizzazione del personale e dei dirigenti in servizio presso l’ente;
  4. la rilevazione, per ogni singola articolazione organizzativa, della quantità di ore di straordinario che sono state remunerate, di quelle che hanno dato luogo a riposo compensativo, di quelle che sono state utilizzate tramite la cd banca delle ore e di quelle che comunque sono state svolte a vario titolo;
  5. la rilevazione, per ogni singola articolazione organizzativa, della quantità di giornate di ferie che sono state fruite da parte del personale, nonché della quantità di giornate di ferie residue che sono maturate in capo ai singoli dipendenti;
  6. la rilevazione, per ogni singola articolazione organizzativa, dei tassi di presenza e di assenza del personale nel corso degli anni 2014, 2015 e 2016;
  7. la rilevazione delle attività aggiuntive che saranno poste, a partire dal 2017, in capo alle singole articolazioni organizzative, in particolare come attivazione di nuovi servizi e come ampliamento/miglioramento di servizi esistenti;

CONSIDERATO che il rapporto tra i dipendenti in servizio a tempo indeterminato e la popolazione residente nell’ente era alla data del 31 dicembre 2016 pari al ______%

CONSIDERATO che la spesa del personale nell’anno 2016 è stata pari ad euro ____________ e che rispetto alla media del triennio 2011/2013 in cui era stati pari ad euro ________________ si deve registrare la riduzione:

CONSIDERATO che il rapporto tra spesa del personale e spesa corrente è stato nel 2016 pari al __% e che nel triennio 2011/2013 era stato pari al __%

CONSIDERATO che nel 2016 il comune ha rispettato il pareggio di bilancio;

ASSUNTO di conseguenza che il comune rispetta i principali vincoli di carattere finanziario e, di conseguenza, non presenta condizioni di eccedenza del personale per ragioni finanziarie;

DATO ATTO che, sulla base delle relazioni predisposte dai dirigenti (ovvero dai responsabili) vi sono condizioni di eccedenza di personale nelle seguenti articolazioni organizzative dell’ente per le seguenti categorie ed i seguenti profili professionali e per i seguenti motivi:

 

U. Organizzativa Categoria Profilo professionale Ragioni della eccedenza
       
       
       
       
       
       

 

CONSIDERATO che i dirigenti (ovvero i responsabili) non hanno individuato la possibilità di dare corso al riassorbimento delle condizioni di eccedenza. In particolare che ciò non può essere realizzato né attraverso il ricorso agli strumenti di flessibilità (in primo luogo le assunzioni in part time), né attraverso il ricorso a contratti di solidarietà;

ASSUNTO che i dirigenti (ovvero i responsabili), con il coordinamento del dirigente (ovvero il responsabile) preposto alla gestione delle risorse umane hanno avviato contatti con le altre amministrazioni pubbliche della regione al fine di pervenire, ove possibile, al passaggio diretto dei dipendenti dichiarati in eccedenza alle dipendenze di tali enti, giuste previsioni di cui all’articolo 30 del citato D.Lgs n. 165/2001;

VISTI gli allegati pareri sulla regolarità tecnica e contabile espressi dal responsabile del servizio interessato e dalla ragioneria, ai sensi dell’art. 49 del Testo Unico delle Leggi sull’Ordinamento degli Enti Locali di cui al D.Lgs. n. 267/2000;

 

DELIBERA

 

  1. Di dare atto che l’ente presenta condizioni di eccedenza per n .__________ dirigenti e per n. _________ dipendenti delle seguenti categorie e profili:

 

U. Organizzativa Categoria Numero Profilo professionale
       
       
       
       
       
       

 

  1. Di dare atto che l’ente:

  riassorbirà le condizioni di eccedenza attraverso i seguenti strumenti ________________, nonché – d’intesa con le seguenti amministrazioni della regione _______________________________ – attraverso il passaggio diretto (cd mobilità volontaria) di cui all’articolo 30 del D.Lgs. n 165/2001;

  (opzione alternativa) non può allo stato riassorbire le condizioni di eccedenza per cui, nelle forme e nei modi previsti dall’articolo 33 del D.Lgs. n 165/2001, avvierà le procedure di collocamento in disponibilità del personale e dei dirigenti in eccedenza;

  • Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi del comma 4 dell’art. 134 del D.Lgs n. 267/2000.
  1. Di inviare alla rappresentanza sindacale unitaria ed alle organizzazioni sindacali firmatarie del contratto nazionale, giusta previsione dell’articolo 33 del D.Lgs. n 165/2001, ai fini dell’avvio delle procedure di collocamento in disponibilità di personale e di dirigenti previsto dalla stessa disposizione;
  2. Di inviare al Dipartimento della Funzione Pubblica copia della presente deliberazione.