RICOGNIZIONE DEL NUMERO DEI SOGGETTI STABILIZZABILI, DELLE RISORSE DISPONIBILI E DELLA CONSISTENZA DELLA DOTAZIONE ORGANICA

Visto il D.Lgs. n. 75/2017, articolo 20;

Vista la circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 3/2017;

Ricordata la propria precedente deliberazione n. .. del .. , con cui l’ente ha manifestato la propria volontà di dare corso alla stabilizzazione dei lavoratori precari che sono in possesso, a qualunque titolo, dei requisiti previsti dalla normativa regionale e nazionale prima richiamata;

Assunte le informazioni trasmesse dal responsabile del settore personale su coloro che sono in possesso dei requisiti, nonché sulle risorse utilizzate dal comune per le assunzioni flessibili nel triennio 2015/2017 e sulla consistenza della dotazione organica attualmente in vigore;

Assunto che il personale in possesso dei requisiti per la stabilizzazione può essere ascritto alle seguenti categorie .. ed ai seguenti profili ..;

Assunto che in data … si è data informazione ai soggetti sindacali del contenuto della presente deliberazione e che (EVENTUALE) in data … si è svolto un incontro con le stesse, da cui è emerso che …

Assunto che con il seguente atto si dà avvio alle relative procedure, fermo restando che le stesse saranno formalizzate nella programmazione annuale e triennale del fabbisogno, previa acquisizione del parere del collegio dei revisori dei conti, nonché nella modificazione della dotazione organica che sarà adottata con tale deliberazione;
Considerato che il finanziamento delle stabilizzazioni è garantita dalla previsione di cui al D.Lgs. n. 75/2017 e che la sostenibilità finanziaria è garantita dalla invarianza dei costi sostenuti dall’ente;

Assunto che la circolare del Dipartimento della Funzione Pubblica n. 3/2017 ha “stimolato” le amministrazioni alla utilizzazione del part time per consentire la stabilizzazione nella misura più ampia del personale precario;

Considerato che la dotazione organica può essere, sulla base delle previsioni di cui al testo dell’articolo 6 del D.Lgs. n. 165/2001 per come innovato dal D.Lgs. n. 75/2017, modificata attraverso la programmazione del fabbisogno garantendo la invarianza della spesa teorica complessiva ovvero la neutralità finanziaria di tale modifica e che tale modifica è finalizzata alla stabilizzazione dei lavoratori precari per le seguenti categorie .. ed i seguenti profili … sulla base delle seguenti motivazioni di interesse dell’ente ..;

Considerato che l’articolo 20 del D.Lgs. n. 75/2017 consente di dare corso alle stabilizzazioni attraverso la utilizzazione al 100% delle risorse spese mediamente nel triennio 2015/2017 per il trattamento economico di tale personale;

Visto il parere di regolarità tecnica reso dal responsabile del settore personale;
Visto il parere di regolarità finanziaria reso dal responsabile del settore finanziario;

 

DELIBERA

 

  • Prendere atto che il personale precario in possesso dei requisiti per la stabilizzazione di cui al D.Lgs. n. 75/è di .. unità, come da tabelle allegate;
  • Prendere atto che le risorse utilizzate mediamente nel triennio 2015/2017 per il trattamento economico del personale assunto con contratti di assunzione flessibile erano pari ad euro ….
  • Avviare le procedure di stabilizzazione per il triennio 2018/2020 del personale precario di cui al punto 1 utilizzando a tal fine le risorse utilizzate per le assunzioni flessibili ed il 50% delle capacità assunzionali del triennio 2018/2020
  • Dare mandato al responsabile del settore … di proporre la modifica della dotazione organica così da consentire la stabilizzazione part time dei lavoratori precari, come dalle premesse;
  • Dare mandato al responsabile del settore .. di proporre la programmazione del fabbisogno del personale per il triennio 2018/2020 e per l’anno 2018, tenendo conto della volontà dell’ente di dare corso alla stabilizzazione dei lavoratori precari;
  • Prorogare nelle more dello svolgimento delle procedure di stabilizzazione i rapporti con i dipendenti a tempo determinato e con i cococo che hanno i requisiti per la stabilizzazione e che sono compresi nei profili di cui in precedenza.
  • Trasmettere ai soggetti sindacali il presente atto e dare corso alla attivazione di un confronto con gli stessi per la individuazione delle priorità da seguire nel processo di stabilizzazione dei lavoratori precari.

Dichiarare il presente atto immediatamente esecutivo stante l’urgenza di provvedere