LA SALVAGUARDIA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

La salvaguardia dei concorsi già banditi prima dello 1 aprile 2023, data di entrata in vigore
delle nuove regole sull’ordinamento professionale, non è limitata solamente alle procedure
ancora in essere, ma si estende anche a quelle già concluse. Sono queste le indicazioni
dettate dal parere Aran CFL 203. Esso aggiunge che quelle per il personale educativo e
scolastico che si effettueranno sulla base di tali procedure devono continuare ad essere
effettuate nell’area degli istruttori e non dei funzionari ed elevate qualificazioni. Le
assunzioni in tale area, sulla base del dettato del CCNL, saranno effettuate per i concorsi
banditi successivamente all’entrata in vigore delle nuove regole.
Si deve pervenire a questa conclusione, leggiamo nel parere, perché “la ratio della
disposizione contrattuale di cui all’art. 13, comma 5, del CCNL 16.11.2022 è quella di fare
salve le graduatorie di tutte le procedure concorsuali bandite prima dell’entrata in vigore
del nuovo sistema di classificazione (prima del 1° di aprile 2023)”. Si deve pervenire a
questa conclusione anche per “le graduatorie di procedure già concluse prima del 1° di
aprile”. Il parere estende questa conclusione anche all’inquadramento del personale
educativo e docente per concorsi banditi prima dello 1 aprile 2023, per cui arriva alla
conclusione del loro inquadramento nell’area degli istruttori.